Madonna con Bambino
Madonna con Bambino
Madonna con Bambino
Madonna con Bambino

Bottega di Donatello

Firenze, 1440 circa

Madonna con Bambino

Autore o Bottega:
Bottega di Donatello
Caratteristiche dell'opera :
Rilievo in stucco dipinto e dorato con cornice coeva
Dimensioni :
Altezza 100 cm - Larghezza 63 cm - Profondità 12,5 cm
Provenienza :
Collezione Stefano Bardini, Firenze, Italia; collezione Raphael Stora, New York, USA; collezione Privata, New York, USA
(tratto dal saggio critico del Prof. Giancarlo Gentilini) Immagine di una grazia delicata e briosa, pregevole anche per l’elegante tabernacolo architettonico originario, l’inedito rilievo che qui si presenta è riconducibile a una rara tipologia mariana - già nota alla critica attraverso due esemplari conservati nel Bode-Museum di Berlino e nel Victoria and Albert Museum di Londra, ma mai adeguatamente indagata - che interpreta il consueto tema della Madonna col Bambino, caro alla plastica fiorentina del Quattrocento e solitamente incentrato sull’intimo rapporto affettivo tra le due figure (Kecks 1988), con una composizione assai originale caratterizzata dalla vivace impostazione dinamica del fanciullo benedicente che si proietta verso l’esterno della scena. Un’invenzione iconografica audace e innovativa, che rivela, dietro l’affabile naïveté, una sofisticata concezione formale e spaziale in spiccata sintonia con l’arte di Donatello, ricordato sin dalle fonti coeve per il “moto”, la “grande vivacità” e le “movenze ardite” delle sue figure, come pure per il superlativo magistero prospettico (Gentilini 2002). Scultore, del resto, al quale rimanda anche la sottilissima, virtuosa modellazione a ‘stiacciato’ condotta con variazioni minime rispetto al fondo in modo da accentuare i valori pittorici dell’immagine restituendone in modo illusivo i volumi e la profondità.

Sculture

sculture

Fennec

Amedeo Gennarelli

Levriero

Levriero

Estate

Giuseppe Gambogi

Giovane con turbante

Alfredo Pina

Lo sposalizio della Vergine

Cerista lombardo

Vaso bruciaprofumi

Disegno di Luigi Valadier